Meno tasse

 

Meno tasse per chi investe in cultura

Erogazioni liberali destinate ai beni culturali e allo spettacolo

Le erogazioni liberali sono liberalità in denaro o in natura a favore del settore pubblico o del settore privato no profit che possono costituire fiscalmente, a secondo della tipologia del soggetto erogatore oneri deducibili dal reddito (imprese) o oneri detraibili dall'imposta sul reddito (persone fisiche e enti non commerciali).

Investire in cultura significa investire nella crescita economico-sociale del Paese attraverso una azione comune di risorse pubbliche e private. Un contributo molto importante è costituito dalle erogazioni liberali effettuate da imprese, persone fisiche e enti non commerciali che decidono di destinare una parte delle proprie risorse all'arte.


"La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela e valorizza il patrimonio storico e artistico della nazione".
(Art. 9 della Costituzione della Repubblica Italiana)

Art. 100, comma 2, lettera m), del D.P.R. 917/1986. (T.U.I.R.)
Testo Unico delle Imposte sui Redditi


Al fine di migliorare i servizi alle imprese, con il decreto ministeriale 19 novembre 2010, pubblicato sul sito www.beniculturali.it, le procedure di comunicazione delle erogazioni liberali sono diventate più snelle ed efficienti:

  • I soggetti che hanno effettuato erogazioni liberali nel 2010, per ottenere i benefici fiscali previsti dalla legge, sono tenuti, entro il 31 gennaio 2011 ad un SOLO obbligo di comunicazione. Tale adempimento dovrà essere effettuato per via telematica all'Agenzia delle Entrate tramite il nuovo software di compilazione che sarà reso disponibile sul sito www.agenziaentrate.gov.it entro il 31 dicembre 2010.
      
  • I soggetti che hanno beneficiato di erogazioni liberali nel 2010 sono tenuti, entro il 31 gennaio 2011, ad effettuare la comunicazione al Ministero per i beni e le attività culturali tramite il nuovo modello.
      

Le imprese possono beneficiare di sgravi fiscali al 100%

Art. 15, comma 1, lettera h) del D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.)
Testo Unico delle Imposte sui Redditi


Le persone fisiche e/o gli enti non commerciali non titolari di reddito di impresa che hanno effettuato erogazioni liberali, ai sensi dell'art. 15, comma 1, lettera h) del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, deveno rivolgersi ai nostri Istituti territoriali (Soprintendenze, Archivi e Biblioteche) unici titolari a rilasciare le certificazioni di oneri soggetti a detrazione.

Le persone fisiche e gli enti non commerciali possono beneficiare di sgravi fiscali al 19%

Eventuali quesiti e richieste di chiarimenti possono essere inviate all´indirizzo di posta elettronica erogazioniliberali@beniculturali.it


Documentazione:

DECRETO 19 NOVEMBRE 2010: Le erogazioni liberali per il settore della cultura e dello spettacolo.
(documento in formato pdf,peso2235Kb)

ART. 100, comma 2, lettera M, DPR 917/86 - Testo Unico delle Imposte sui Redditi
(documento in formato pdf,peso249Kb)

ART. 15, comma 1, lettera H, DPR 917/86 - Testo Unico delle Imposte sui Redditi(documento in formato pdf,peso465Kb)

Documentazione 2012
Erogazioni liberali a favore della cultura e dello spettacolo.
Agevolazioni fiscali in materia di beni e attività culturali  (artt. 15,comma l, lettere g) ed h), e 100,comma 2, lettere e) ed t) del Tuir di cui al D.P.R. 22/12/1986, n. 917